25 settembre 2015 - Comacchio, Cronaca

Qualità del ricettivo e tassa di soggiorno per il turismo di Comacchio

Oggi in Comune riunione in vista della stagione 2016

Nella sala del Consiglio comunale Comacchio ha avuto luogo questa mattina un incontro per discutere la programmazione turistica per l’anno 2016. Al tavolo per il Turismo si sono riuniti il sindaco Marco Fabbri, l’sssessore al Turismo Sergio Provasi, il dirigente al Turismo Roberto Cantagalli, i rappresentanti delle associazioni di categoria e il consigliere Davide Michetti, in rappresentanza delle forze politiche di minoranza.

Come spiega l’Amministrazione in una nota, partendo dai dati di rilevazione degli arrivi e delle presenze nel territorio di Comacchio degli ultimi anni, è stato possibile fare un primo bilancio della stagione turistica appena trascorsa e discutere gli obiettivi e le strategie per quella futura.

“L’obiettivo – ha spiegato Fabbri – è quello di aumentare la qualità e la competitività delle strutture ricettive presenti sul territorio. I tagli che subiremo sicuramente dal Governo anche nel 2016 non devono impedirci di fornire i servizi essenziali al cittadino, ma non devono nemmeno avere conseguenze su quello che è il percorso positivo che abbiamo intrapreso sul versante turistico già dalla promozione del brand di Comacchio. Si parla di togliere l’Imu agli agricoltori e sulle prime case che per Comacchio valgono oltre due milioni di euro. Ora Renzi garantisce che li compenserà, ma in passato non è mai successo e dunque siamo molto preoccupati in tal senso”.

“Non dobbiamo cullarci sui buoni risultati del 2015 – aggiunge il dirigente al Turismo, Cantagalli – ma dobbiamo continuare ad investire sull’aumento della qualità”.

Le strategie individuate al tavolo, continua l'Amministrazione, sono due. Innanzitutto l’introduzione della tassa di soggiorno quale mezzo per poter implementare tutte le attività riguardanti la promozione turistica e l’organizzazione di eventi che altrimenti non potrebbero più essere sovvenzionate a causa degli tagli imposti dal Governo e all’impossibilità di accedere, come negli anni scorsi, a contributi provinciali.

In secondo luogo sarà implementato un sistema di classificazione degli appartamenti in affitto che punti alla qualità. “La proposta è di istituire una commissione tecnica comunale, integrata tra l’altro dalla presenza volontaria dei rappresentanti delle associazioni di categoria, con il compito di verificare che gli appartamenti in affitto rispettino i requisiti e gli standard della Legge Regionale 16/2004 – ha spiegato Roberto Cantagalli – l’obiettivo non è assolutamente repressivo, ma propulsivo. La commissione avrà anche un ruolo di consulenza. Quello che vogliamo è innescare dei processi virtuosi di innalzamento del livello qualitativo della nostra ospitalità”.

Parallelamente verrà istituito anche un marchio per l’identificazione degli appartamenti di qualità certificati dalla commissione tecnica comunale in base ad un regolamento tuttora in fase di elaborazione. Le strutture che aderiranno a tale marchio avranno la possibilità di usufruire di percorsi di promozione privilegiati e di ulteriori agevolazioni.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.