20 novembre 2014 - Comacchio, Cronaca

"In spiaggia tutti i detriti del Po: e paga Comacchio"

La nota del Comune. "La spesa venga ripartita"

A seguito dell'ondata di piena del Po, il litorale comacchiese è stato ancora una volta interessato dal fenomeno dello spiaggiamento di ingenti quantità di detriti, spiega il Comune di Comacchio. Questo comporta, rileva l'Amministrazione, "interventi straordinari di pulizia dell'arenile con relative spese aggiuntive", rispetto al calendario ordinario pianificato ogni anno con la "ditta incaricata". Il 19 maggio scorso il Consiglio Comunale all'unanimità ha approvato la delibera n° 69 con la quale è stata proposta l'istituzione di un fondo di solidarietà regionale o nazionale a parziale copertura delle spese di pulizia dell'arenile e di vagliatura dello spiaggiato. "Ogni anno infatti l'Amministrazione Comunale deve farsi carico di interventi di pulizia straordinaria - spiega il sindaco Marco Fabbri -, legati a fenomeni atmosferici altrettanto straordinari, come quello che sta interessando il Po e tutto il nord Italia, mentre attraverso il delta giungono sulle nostre spiagge i detriti trascinati dalle correnti del Po lungo tutto il suo percorso. E' pertanto non più rinviabile l'attivazione di un sistema di ripartizione della spesa, dato che non può essere il solo Comune di Comacchio a coprire i costi sempre più esosi della pulizia dell'arenile, su cui  vengono depositati in occasione di ogni mareggiata tronchi, rami e rifiuti provenienti da tutta la regione Emilia Romagna. Non appena saranno rinnovati gli organi elettivi della regione, si renderà necessario un immediato interessamento da parte del nuovo governatore - conclude il sindaco -, per risolvere una problematica che secondo noi merita la priorità assoluta".

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.

Accadde oggi